La psicoterapia è un percorso di trattamento dei disturbi psicologici che si realizza in una serie di incontri con un professionista psicoterapeuta. Lo scopo della psicoterapia è promuovere un cambiamento tale da alleviare in modo stabile alcune forme di sofferenza emotiva.

La ricerca in psicoterapia ha lo scopo di comprendere i disturbi psicologici, definire ipotesi di trattamento e verificarne l’efficacia attraverso metodologie rigorose.

Attraverso la ricerca in psicoterapia è possibile selezionare i trattamenti che garantiscono maggiore efficacia e sostenere la qualità dei servizi offerti ai pazienti.

Il modello di psicoterapia cognitivo-comportamentale è stato riconosciuto come trattamento efficace per numerosi disturbi psicologici. La psicoterapia cognitivo-comportamentale rappresenta la psicoterapia di prima scelta nella cura dei disturbi d’ansia, panico, fobia sociale, disturbo ossessivo-compulsivo e della depressione dove mostra efficacia equivalente alla terapia farmacologica con un ridotto tasso di ricaduta nel tempo.

Psicoterapia individuale
E’ centrata su una unica persona. Nella psicoterapia individuale ci si interessa del funzionamento psicologico della singola persona, delle sue caratteristiche, delle parti funzionali e dei meccanismi disfunzionali (che producono malessere o riduzione del benessere).

Lo psicoterapeuta fissa gli obiettivi terapeutici con la persona che ne fa richiesta e con essa stessa tende a raggiungerli. I mezzi utilizzati dallo psicoterapeuta risiedono nelle competenze e nelle specializzazioni che il terapeuta ha conseguito. Tali strumenti e conoscenze saranno inoltre selezionate ed applicate tenendo conto della situazione specifica, delle caratteristiche e delle esigenze di ogni singola persona.

È la forma di psicoterapia più diffusa e praticata. Essa risulta efficace per la maggior parte delle problematiche e delle difficoltà psicologiche. È utile a migliorare la qualità della vita, aumenta l’autostima e la sicurezza, fornisce strumenti per superare e risolvere sintomi bloccanti, ansia, emozioni e comportamenti indesiderati.

Psicoterapia familiare
Prende in considerazione il nucleo familiare con l’obiettivo di sviluppare interazioni e modalità comunicative più utili al funzionamento della famiglia stessa e al benessere di ogni singolo componente.

In alcune situazioni, infatti, i disturbi possono essere più facilmente risolti lavorando sulla rete relazionale all’interno della stessa famiglia.

L’esempio tipico è quello dei bambini che spesso sviluppano comportamenti sintomatici in relazione a tensioni e conflittualità della coppia genitoriale. La terapia familiare può fare luce sulle dinamiche in atto e facilmente aiutare i genitori a gestire correttamente le tensioni. Poiché i sintomi presentati dai figli ne sono spesso conseguenza (e proprio per questo preziosi indicatori), questi stessi sintomi rientrano, si risolvono naturalmente e parallelamente al ritrovato ruolo stabile e protettivo dei genitori.

La psicoterapia è un percorso di trattamento dei disturbi psicologici che si realizza in una serie di incontri con un professionista psicoterapeuta. Lo scopo della psicoterapia è promuovere un cambiamento tale da alleviare in modo stabile alcune forme di sofferenza emotiva.

La ricerca in psicoterapia ha lo scopo di comprendere i disturbi psicologici, definire ipotesi di trattamento e verificarne l’efficacia attraverso metodologie rigorose.

Attraverso la ricerca in psicoterapia è possibile selezionare i trattamenti che garantiscono maggiore efficacia e sostenere la qualità dei servizi offerti ai pazienti.

Il modello di psicoterapia cognitivo-comportamentale è stato riconosciuto come trattamento efficace per numerosi disturbi psicologici. La psicoterapia cognitivo-comportamentale rappresenta la psicoterapia di prima scelta nella cura dei disturbi d’ansia, panico, fobia sociale, disturbo ossessivo-compulsivo e della depressione dove mostra efficacia equivalente alla terapia farmacologica con un ridotto tasso di ricaduta nel tempo.

Psicoterapia individuale
E’ centrata su una unica persona. Nella psicoterapia individuale ci si interessa del funzionamento psicologico della singola persona, delle sue caratteristiche, delle parti funzionali e dei meccanismi disfunzionali (che producono malessere o riduzione del benessere).

Lo psicoterapeuta fissa gli obiettivi terapeutici con la persona che ne fa richiesta e con essa stessa tende a raggiungerli. I mezzi utilizzati dallo psicoterapeuta risiedono nelle competenze e nelle specializzazioni che il terapeuta ha conseguito. Tali strumenti e conoscenze saranno inoltre selezionate ed applicate tenendo conto della situazione specifica, delle caratteristiche e delle esigenze di ogni singola persona.

È la forma di psicoterapia più diffusa e praticata. Essa risulta efficace per la maggior parte delle problematiche e delle difficoltà psicologiche. È utile a migliorare la qualità della vita, aumenta l’autostima e la sicurezza, fornisce strumenti per superare e risolvere sintomi bloccanti, ansia, emozioni e comportamenti indesiderati.

Psicoterapia familiare
Prende in considerazione il nucleo familiare con l’obiettivo di sviluppare interazioni e modalità comunicative più utili al funzionamento della famiglia stessa e al benessere di ogni singolo componente.

In alcune situazioni, infatti, i disturbi possono essere più facilmente risolti lavorando sulla rete relazionale all’interno della stessa famiglia.

L’esempio tipico è quello dei bambini che spesso sviluppano comportamenti sintomatici in relazione a tensioni e conflittualità della coppia genitoriale. La terapia familiare può fare luce sulle dinamiche in atto e facilmente aiutare i genitori a gestire correttamente le tensioni. Poiché i sintomi presentati dai figli ne sono spesso conseguenza (e proprio per questo preziosi indicatori), questi stessi sintomi rientrano, si risolvono naturalmente e parallelamente al ritrovato ruolo stabile e protettivo dei genitori.