Lo studio Elettrofisiologico è un esame strumentale in grado di dare informazioni sul funzionamento dei nervi periferici e dei muscoli. L’elettromiografia non consta di una sequenza fissa o prestabilita di misurazioni, ma queste vanno di volta in volta stabilite sulla base dei problemi presentati dal paziente.

Si divide in due parti:

  1. Elettroneurografia (ENG) che si occupa della valutazione funzionale dei tronchi nervosi attraverso la stimolazione elettrica e la registrazione di  superficie;
  2. Elettromiografia (EMG) che si occupa dello studio dell’attività muscolare registrata con un elettrodo ad ago nel muscolo.

Tali esami vengono eseguiti in caso di:

  • Radicolopatie (es. cervicobrachialgia, lombosciatalgia)
  • Neuropatie dismetaboliche (es. diabete), da tossici (es. etilismo, chemioterapici), ereditarie, etc
  • Malattie del motoneurone (spinali e bulbari, come nella Sclerosi Laterale Amiotrofica, ecc.)
  • Patologie muscolari (Miopatie, Distrofia Muscolare, Polimiosite, Miotonie).
  • Sindromi da intrappolamento (es. sindrome del tunnel carpale)

Tale esame può essere effettuato in convenzione con il S.S.N.  con la presenza dell’impegnativa rilasciata dal medico di medicina generale o anche in forma privata.

La durata dell’esame va dai 15 ai 35 minuti a seconda delle eventuali patologie che si vogliono riscontrare.

Lo studio Elettrofisiologico è un esame strumentale in grado di dare informazioni sul funzionamento dei nervi periferici e dei muscoli. L’elettromiografia non consta di una sequenza fissa o prestabilita di misurazioni, ma queste vanno di volta in volta stabilite sulla base dei problemi presentati dal paziente.

Si divide in due parti:

  1. Elettroneurografia (ENG) che si occupa della valutazione funzionale dei tronchi nervosi attraverso la stimolazione elettrica e la registrazione di  superficie;
  2. Elettromiografia (EMG) che si occupa dello studio dell’attività muscolare registrata con un elettrodo ad ago nel muscolo.

Tali esami vengono eseguiti in caso di:

  • Radicolopatie (es. cervicobrachialgia, lombosciatalgia)
  • Neuropatie dismetaboliche (es. diabete), da tossici (es. etilismo, chemioterapici), ereditarie, etc
  • Malattie del motoneurone (spinali e bulbari, come nella Sclerosi Laterale Amiotrofica, ecc.)
  • Patologie muscolari (Miopatie, Distrofia Muscolare, Polimiosite, Miotonie).
  • Sindromi da intrappolamento (es. sindrome del tunnel carpale)

Tale esame può essere effettuato in convenzione con il S.S.N.  con la presenza dell’impegnativa rilasciata dal medico di medicina generale o anche in forma privata.

La durata dell’esame va dai 15 ai 35 minuti a seconda delle eventuali patologie che si vogliono riscontrare.